IL TUO NUOVO PROGETTO

Scegli tra i formati quello più adatto alle tue esigenze.

GIORNALE MINIZINE

Formato pocket (21x30cm), da 4 pagine, fino a 100 copie, pratico ed economico.
Crea un minizine Carica un minizine

GIORNALE CLASSICO

Formato classico (31,5x44cm), da 8 pagine e a partire da 100 copie, autentica carta giornale da 45gr.
Crea un giornale Carica un giornale

GIORNALE PDF

Formato A4, Free o Premium con abbonamento.
Crea PDF Carica il tuo PDF
font per giornali

5 font imprescindibili per ogni designer

Croce e delizia di ogni designer, il font è diventato ormai un culto oltre che un lavoro. Bastoni o grazie? Scegliere i font imprescindibili per un qualsiasi scritto è ardua e stesso possiamo dire per la scelta del font sul giornale.

Quale è allora il font perfetto da utilizzare?

Di solito, i font imprenscindibili per la realizzazione di un giornale sono i classici “Arial”, “Times New Roman”. Da quando però il giornale non è più solo un raccoglitore di notizie, ma è diventato uno strumento di comunicazione efficace per imprese e associazioni, allora lo stile e il design sono diventate caratteristiche fondamentali da analizzare con cura.

 

  1. Helvetica

Classico ma evergreen, al primo posto si classifica “Helvetica”. Buona parte dei font utilizzati viene ricondotta a questo, semplicemente perché questo font è adatto a tutte le esigenze.

Creato in Svizzera nel 1957 e registrato come Neue Haas Grotesk, in principio presentava solo le versioni ligh e medium. L’introduzione delle altre varianti l’ha portato a conquistare il mondo quale font estremamente versatile e oggettivamente bello.

Il font è stato utilizzato in diverse occasioni anche nelle pubblicità Coca-Cola.

 

  1. Futura

Il futuro è adesso. Anche questo font rientra tra i più utilizzati ed è praticamente immortale. Creato nel 1928 in Germania, rappresenta il razionalismo e il funzionalismo. Ad oggi è ancora considerato il capostipite dei font sans serif.


La particolarità è il fatto che sia basato sulle tre forme geometriche più semplici: cerchio, quadrato e rettangolo.

Diventato un ponte tra passato e futuro, è stato utilizzato come font ufficiale Volkswagen ed è poi atterrato anche nello spazio!

 

  1. Frutiger

A metà tra l’Univers e l’Helvetica, il font Frutiger nasce ad opera di Adrian Frutiger nel 1975. In poco tempo diventa famoso per essere il font dei cartelli, delle indicazioni stradali e di principali aeroporti tra cui Charles De Gaulle a Parigi.

Il font presenta caratteri estremamente leggibili, puliti, semplici e riconoscibili.

 

  1. Gotham

Chi non ricorda la pubblicità progresso dell’allora presidente USA, Barack Obama? “YES WE CAN” è lo slogan che è ancora nelle nostre menti ed è scritto in Gotham.

Obiettivo, discreto, durevole e sincero: il Gotham è un font che vuole inviare un messaggio chiaro e diretto. Nato nel 2000 da Tobias Frere-Jones.

Oltre che degli slogan di Obama, il font Gotham è anche stato utilizzato nel logo di Discovery Channel e nella locandina del film “Gran Torino”.

 

  1. Akzidenz-Grotesk

Secondo il The Guardian è il miglior font della storia! Nominato come realist sans-serif, è stato creato presso la fonderia Berthold, in Germania. Negli anni ’50 venne rivisitato da Guner Gerhard Lange e divenne ciò che è ora.

Può essere definito come la base d’ispirazione anche per la realizzazione dell’Helvetica, dell’Univers e del Frutiger. Primo sans-serif ad essere utilizzato in modo massivo, è espressione di neutralità e impersonale bellezza.

Articolo di iltuogiornale.it in stampa giornale -
248 Visualizzazioni 0 Questo articolo è stato utile
Seguici su

Azienda convenzionata

il tuo giornale